Web 2.0 – che fatica!

Dopo un paio di settimane di vacanza i Sudafrica lontano dalla civiltà, e 3 settimane per riabituarmi al ritmo del lavoro (sarà civile questo?), sono riuscito finalmente a tornare a scrivere sul blog!

Cosa è successo nel frattempo?

Sabato scorso stavo finendo di controllare tutti i messaggi rimasti in coda, tra Mail, Facebook ecc, e finalmente, giunto a Twitter, ho visto il messaggio di Wolly, “iwordcamp ci siamo quasi” (devo ammettere che me ne ero dimenticato), così mi sono precipitato alla Triennale, e ho fatto in tempo a sentire l’intervento di Matt Mullenweg (e molti dei discorsi che si sono susseguiti nel pomeriggio), che sono stati molto utili per riprendere un po’ il filo.

Per saperne di più e vedere alcune interviste: iWordCamp 2008.

Venendo al punto, ecco le riflessioni della settimana…

Una delle cose che mi ha colpito di più di Matt è la visione “tutto si può migliorare, iniziando in prima persona a provarci”, uno dei punti chiave della cultura 2.0. Assieme all’idea del social networking, per cui se trovo altre persone con cui condividere desideri, conoscenze e sforzi, le cose si riescono a fare, questa attitudine ha prodotto una quantità notevole di innovazione, che si è tradotta in una enorme quantità di siti, servizi, tool, widget ecc., tutti con un fattore “evolutivo – beta” piuttosto elevato.

Questa molto contemporanea inquietudine esistenziale del web 2.0 è animata senza dubbio da ottime intenzioni, ma non produce sempre gli effetti sperati nel produrre “miglioramento”… e ha finito per creare una linea evolutiva che assomiglia a quella consumistica e competitiva dei software proprietari, in cui la competizione si gioca per lo più sulla battaglia delle features, e sulla stimolazione continua di bisogni nuovi. Spesso, infatti, gli strumenti che abbiamo, se usati in modo appropriato e preciso, sarebbero sufficienti per rispondere alle nostre necessità. 

Cogliere il miglioramento

La semplificazione (della vita), o meglio la gestione della complessità, è la sfida più importante della contemporaneità!

La maggior parte dei mondo del web 2.0 dichiara di tendere verso questo fine, ne è un esempio la retorica “1, 2 ,3 pronti via” delle introduzioni di molti siti, o gli screencast che mostrano quanto sia veloce e semplice costruire un database di informazioni consultabili via mobile su cui puoi salvare la lista della spesa, e consultarla quando sei al super con una semplice query via sms (esiste davvero)… ma non è più semplice scriversi la lista su un bigliettino?

Una delle cose che ho apprezzato di più del discorso di Matt, è stato il realismo e la prudenza rispetto alla questione dello sviluppo e dell’introduzione delle evoluzioni in WordPress, nonché l’attenzione ai feedback della comunità degli utilizzatori. L’idea di portare avanti in parallelo la creazione di funzionalità nuove per fare le cose, cercando di preservare e incrementare la semplicità di utilizzo, mi sembra quella giusta.

In ogni caso credo che per cogliere il “miglioramento” che possono produrre le tecnologie e gli strumenti nuovi, gli utenti dovrebbero maturare una maggiore consapevolezza dei mezzi esistenti, e cercare di diffonderla ai propri familiari, amici e colleghi perché la semplificazione è una conquista sociale!

Annunci